Cyber security

Ve ne sarete accorti: appena navighiamo online e visitiamo alcune pagine, al momento di una seconda navigazione verremo colpiti dalla pubblicità dei primi siti. Questo avviene perché, come ormai tutti sappiamo, all’interno di ogni sito esistono dei cookies di tracciamento, che analizzano le nostre preferenze, e ci propongono delle ricerche – e delle pubblicità – personalizzate.

Le più recenti normative europee cercano di salvaguardare gli utenti da questo continuo monitoraggio e portare chiarezza nel mondo del web, ma anche noi, come semplici utenti possiamo correre ai ripari e affidarci a dei strumenti che ci permettono di bloccare il tracciamento dei nostri dati.

Probabilmente la più famosa di queste soluzioni per la navigazione anonima è quella di attivare la modalità in incognito su Chrome o la versione ‘privata’ di Safari nel caso utilizziate un dispositivo iOS. Vi basterà accedere al menu, selezionare nuova finestra di navigazione in incognito e vi si aprirà una scheda con cui potrete navigare su svariati siti web senza che i cookie di tracciamento e di preferenza vi si attacchino addosso. Una soluzione rapida e molto utile soprattutto se non volete che la vostra cronologia di ricerca sia disponibile a tutti. Naturalmente attraverso i log-in sui social network le vostre preferenze verranno comunque tracciate, così come la vostra posizione attraverso l’IP sarà sempre disponibile all’internet provider.

Se preferite una sicurezza ulteriore potete scegliere di installare dei browser pensati appunto per proteggere la privacy dell’utente e per bloccare trackers e annunci pubblicitari fastidiosi. Tra questi, sono sicuramente notevoli Brave, DuckDuckGo e TOR, quest’ultimo in grado di crittografare tutta la rete mentre navighiamo e nascondere l’indirizzo IP.

Per chi volesse continuare ad utilizzare il classico Google e allo stesso tempo volesse salvaguardare la propria privacy, il consiglio è quello di utilizzare una virtual private network. Che cos’è una VPN? È un sistema per cui attraverso un software andrete a creare una protezione che avvolge la vostra rete di connessione e fa in modo di nascondere l’indirizzo IP, proteggere l’utente dai tracciamenti e anche da probabili ed eventuali attacchi hacker. Questo strumento è facilissimo da utilizzare, ed è soprattutto utilissimo in combinazione con uno dei precedenti browser – ad esempio su Chrome potete anche installare un’estensione che farà funzionare in automatico la VPN. Insomma, niente paura, i modi per navigare protetti in rete ci sono e soprattutto sono semplici e immediati da utilizzare.